GLI AVVOCATI PETRUCCI, ROSI E MICHETELLI INSIEME ALL’ING. D’ONOFRIO, HANNO ILLUSTRATO AI SOCI I CONTENUTI DELLA SENTENZA EMESSA DALLA CORTE DI APPELLO PENALE CON LA QUALE SONO STATE CONFERMATE LE RESPONSABILITA’ PENALI DEGLI IMPUTATI E CON ESSE GLI EFFETTI CIVILI DELLA SENTENZA DI PRIMO GRADO.

LA SENTENZA HA ESPRESSAMENTE CONFERMATO I SEQUESTRI GIA’ DISPOSTI SUI BENI DEGLI IMPUTATI PER OLTRE 10 MILIONI DI EURO A TUTELA DEGLI INTERESSI DEI SOCI DANNEGGIATI.(pag. 31 della sentenza)

GLI AVVOCATI,  HANNO ANCHE INFORMATO I SOCI COSTITUITI PARTE CIVILE,  CHE LA CORTE HA REVOCATO LA PROVVISIONALE CHE ERA STATA LIQUIDATA DAL TRIBUNALE  A FAVORE SIA DEI SOCI CHE DELLE COOPERATIVE. LA CORTE HA MOTIVATIO LA REVOCA CON LA CIRCOSTANZA CHE  IL PAGAMENTO E’ STATO  ATTRIBUITO AD UN SOLO IMPUTATO E PER LUI  A CARICO DEL RESPONSABILE CIVILE MINISTERO DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE. I SOCI CHE HANNO INCASSATO LA PROVVISIONALE  SONO STATI INFORMATI CHE IL MINISTERO HA GIA’ CHIESTO LA RESTITUZIONE DELLE SOMME PERCEPITE CON RISERVA DI RECUPERO COATTO, MEDIANTE ISCRIZIONE NEI RUOLI.

NELL’INCONTRO SI E’ PROPOSTO AI SOCI COSTITUITI PARTE CIVILE E ALLE COOPERATIVE  DI INTRAPRENDERE UNA AZIONE CIVILE NON SOLO PER LA CONFERMA DELLA PROVVISIONALE, MA ANCHE PER OTTENERE L’INTERO RISARCIMENTO DEI DANNI SUBITI A SEGUITO  DALLA VICENDA FALCO NEL SUO COMPLESSO.

L’AZIONE POTRA’ ESSERE INTRAPRESA ANCHE DAI SOCI CON COSTITUTI PARTE CIVILE NEL PROCESSO PENALE.

PER ADERIRE ALL’AZIONE CIVILE, OGNI SOCIO DOVRA’ CORRISPONDERE AL MOMENTO DEL MANDATO UNA SONMMA DI € 1.000,00 (MILLE) COMPRENSIVA DI ONERI FISCALI.

I RAPPORTI TRA OGNI ASSISTITO ED IL COLLEGIO DIFENSIVO SARANNO REGOLATI  DA UN APPOSITO CONTRATTO CHE SARA’ SOTTOSCRITTO AL MOMENTO DEL CONFERIMENTO DELL’INCARICO.

NEI PROSSIMI GIORNI GLI AVVOCATI PETRUCCI E MICHETELLI CONVOCHERANNO I SOCI CON LORO RISPETTIVAMENTE GIA’ COSTITUTI, PER FISSARE UN INCONTRO PER LA FIRMA DEL MANDATO.

A SEGUIRE, DOPO L’ESTATE, SARANNO CONVOCATI I SOCI CHE NON HANNO PRESO PARTE AL PROCESSO PENALE.